Concordato con continuità aziendale

Concordato con continuità aziendale: spunti di riflessione sul miglior soddisfacimento dei creditori e sul trattamento dei crediti privilegiati

Nell’ipotesi in cui l’imprenditore proponga un concordato con continuità aziendale ex art. 186-bis l. fall., costituisce motivo d’inammissibilità della domanda di concordato, anche in sede di giudizio di omologazione, la mancanza di una concreta ed effettiva attestazione in relazione alla funzionalità della prosecuzione...

Nel concordato in continuità le percentuali di soddisfacimento dei creditori indicate nel piano sono vincolanti

Nel concordato con continuità aziendale l’indicazione della percentuale di soddisfacimento dei creditori deve ritenersi vincolante e non meramente orientativa, come avviene invece nel concordato liquidatorio: se così non fosse, sarebbe vanificata la prescrizione di cui all’art. 186-bis, comma 2, lett. b) l. fall., che impone l’attestazione...

L’applicabilità dell’art. 186-bis, ultimo comma, ai concordati preventivi in continuità aziendale: analisi di un caso concreto

Nei casi di concordato in continuità, l’art. 186-bis, ultimo comma, l. fall. prevede la possibilità per il Tribunale di revocare l’ammissione al concordato e dichiarare il fallimento qualora cessi l’esercizio dell’attività di impresa o la continuità aziendale risulti manifestamente dannosa per i creditori.

Concordato con continuità aziendale: linee guida e sindacato del Tribunale nella fase ammissiva

Il Tribunale, nella fase di ammissione d’un debitore ad un concordato preventivo con continuità aziendale, deve valutare se la prosecuzione dell’attività d’impresa sia effettivamente funzionale a garantire la più ampia soddisfazione dei crediti concorsuali, verificando la completezza del piano, in termini di sviluppo d’una analitica indicazione dei costi e dei ricavi attesi nel periodo di riferimento, e l’esaustività dell’attestazione, in termini non solo di...

Il concordato con continuità aziendale: compatibilità con l’affitto d’azienda e durata poliennale del piano

Il contratto di affitto d’azienda non è di per se stesso incompatibile con il concordato con continuità aziendale purché l’affittuario, seppur sotto la condizione sospensiva d’omologazione della proposta concordataria, si impegni ad acquistare i beni affittati e quest’acquisto, cui è collegato l’incasso delle somme da destinare al pagamento dei creditori concordatari, intervenga entro un tempo massimo non superiore a quello di un’ordinaria liquidazione, pena la...

Preconcordato, continuità aziendale e sospensione/scioglimento dei contratti pendenti

L’istanza di scioglimento o di sospensione dei contratti in corso può essere presentata sia con la domanda per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo che in quella di concordato con riserva. L’accentuato favor del legislatore per le soluzioni concordatarie si estende anche alla recentissima figura del concordato con riserva, anche perché, proprio in relazione a quest’ultima forma di soluzione “negoziata in itinere” della crisi d’impresa, lo...

Pagine